Roulotte al tramonto
Roulotte al tramonto
Roulotte al tramonto
Roulotte al tramonto
Mobilità Elettrica

10 domande insolite sulle auto elettriche

Mobilità Elettrica

10 domande insolite sulle auto elettriche

Cosa succede se porto l'auto elettrica all'autolavaggio? Posso effettuare la ricarica presso stazioni di ricarica pubbliche quando piove? Sono necessari pneumatici speciali per l'auto elettrica? Sulle prime sembra che sia tutto chiaro e non siano necessarie domande sull'elettromobilità. Ma poi vengono i dubbi. Per evitare che ciò accada, ecco le risposte a dieci domande insolite sulle auto elettriche.

Qui puoi scoprire:

  • Come si comporta l'auto elettrica in presenza di acqua e temporali
  • Come si attaccano i cavetti alla batteria di avviamento nei veicoli elettrici
  • Cosa hanno pensato i sound designer per l'auto elettrica
  • Quali sono i fattori che influiscono sul consumo di energia di un'auto elettrica

1. Posso portare l'auto elettrica all'autolavaggio?

Questa domanda è una delle più frequenti nei forum. Le risposte sono per lo più condiscendenti, ma il dubbio è legittimo. Tutto sommato bisogna sempre stare attenti ad avvicinare elettricità e acqua. Ma portare un'auto elettrica all'autolavaggio non è come usare il fon nella vasca da bagno. Come nelle auto con motore a combustione, l'elettronica e la batteria sono ben protette dalle infiltrazioni di umidità anche nelle auto elettriche. Quindi puoi tranquillamente lasciar perdere la spugna bagnata e andare all'autolavaggio più vicino.

2. Si esaurisce la batteria dell'auto elettrica prima o poi?

Mentre molte batterie di telefoni cellulari dopo due anni cominciano a dare problemi, la batteria di un'auto elettrica inizia a dare segni di cedimento molto più tardi. Dato che i costruttori montano diversi tipi di batterie, la domanda sulla durata della batteria di un'auto elettrica non può avere un'unica risposta. Molti costruttori però indicano nella garanzia di acquisto dopo quanti anni oppure dopo quanti chilometri di percorrenza la capacità di carica della batteria è almeno ancora del 70%. La buona notizia per il portafoglio è che se la batteria dovesse davvero dare segni di cedimento, puoi semplicemente far sostituire alcune celle presso l'officina specializzata. Secondo “ADAC” (Automobil Club tedesco) ciò è molto più economico che far montare una batteria nuova.

3. Ricarica di un'auto elettrica quando piove; si può fare? 

Primo piano del finestrino di un'auto con gocce di pioggia

Con vento forza 10 e pioggia battente sarebbe meglio stare a casa anziché andare alla stazione di ricarica. Ma non si può sempre scegliere, giusto? La buona notizia è che puoi ricaricare l'auto elettrica in tutta tranquillità anche se piove a catinelle. Nelle auto elettriche, i raccordi di ricarica sono progettati in modo che la corrente elettrica scorre solo se il contatto fra connettore e veicolo è ben chiuso ed è impossibile l'infiltrazione di acqua nel collegamento. L'unica accortezza che bisogna avere è quella di non far bagnare l'interno del connettore. Anche se ciò dovesse avvenire non c'è alcuna possibilità di prendere la scossa. Nel caso in cui il connettore sia bagnato l'unica cosa che accade è che non si avvia la ricarica, in quanto il sistema di protezione della vettura impedisce il passaggio di corrente..

4. Cosa succede se un fulmine colpisce un'auto elettrica?

L'auto elettrica non attira i fulmini più di quanto facciano le auto a benzina o diesel. Come su qualsiasi auto chiusa, anche quando sei a bordo di un'auto elettrica la gabbia di Faraday ti protegge dalla scarica di un fulmine, che può arrivare a un milione di volt. La struttura chiusa dell'auto fa sì che la tensione si generi solo sulla superficie e che da qui venga scaricata uniformemente al suolo. Tuttavia, come in ogni auto, un fulmine può danneggiare l'elettronica di bordo. La possibilità di essere colpiti da un fulmine è comunque estremamente rara.

5. Sono necessari pneumatici speciali per l'auto elettrica?

La risposta è il classico nì. Se gli pneumatici soddisfano le specifiche dell'auto (dimensioni, indice di carico ecc.), in teoria ne puoi montare di qualsiasi tipo. Tuttavia gli pneumatici specifici per auto elettriche spesso sono caratterizzati da una resistenza al rotolamento ottimizzata. Questo perché una minore resistenza al rotolamento comporta una maggiore efficienza energetica dell'auto durante la marcia e quindi una maggiore autonomia con una carica della batteria. Questo tipo di pneumatici si può facilmente trovare presso i normali rivenditori.

Primo piano dello pneumatico di una e-Golf

6. Come si attaccano i cavetti su un'auto elettrica?

Per farla breve, non si attaccano; almeno per quanto riguarda la grande batteria principale. Invece alla batteria di avviamento a 12 volt, montata sia sulle auto elettriche sia su quelle con motore a combustione, li puoi collegare senza problemi. In ogni caso la possibilità che la batteria piccola si scarichi è davvero remota, perché viene costantemente ricaricata dalla batteria ad alto voltaggio. La batteria vera e propria non può essere ricaricata prelevando energia da un altro veicolo.

7.  Un'auto elettrica può avere il sound di un'auto sportiva?

e-Golf in un laboratorio di sound design

Con una buona dose di sound design forse si riuscirebbe a imitare il caratteristico ruggito di un'auto sportiva con motore a combustione. Ma fare in modo che un motore elettrico abbia la stessa voce di un motore a combustione non rientra fra gli scopi dichiarati dell'elettromobilità. La bassa rumorosità è una delle caratteristiche peculiari delle auto elettriche e a lungo termine contribuirà a ridurre l'inquinamento acustico soprattutto nei centri cittadini. I rumori generati artificialmente servono in primo luogo a garantire la sicurezza degli altri utenti della strada, come pedoni e ciclisti. “In effetti è un paradosso”, spiega a “Gründerszene.de” il professor Hugo Fastl della “Technischen Universität München”, il Politecnico di Monaco. “Dopo che per 20 anni abbiamo lavorato per rendere le auto più silenziose, adesso le dobbiamo rendere più rumorose.” A questo riguardo, un'idea è quella di adeguare i decibel del rumore delle auto al livello di rumore ambientale. Più alto è il rumore ambientale, più rumorosa deve essere l'auto elettrica per farsi sentire.

8. Quanto manca alla prossima stazione di ricarica?

Per la maggior parte dei proprietari di auto elettriche, la strada fino alla stazione di ricarica più vicina si ferma alla porta di casa, dato che molti ricaricano l'auto presso la propria abitazione. Per tutti gli altri, in Italia ci sono complessivamente circa 11.000 colonnine di ricarica (aggiornamento: febbraio 2020) e il numero è in costante crescita. Nelle metropoli in media i punti di ricarica sono piuttosto frequenti. Fuori dai centri abitati, le stazioni di ricarica sono un po' più distanziate. Di sicuro però quando hai bisogno di corrente la trovi, ad esempio cercando nel navigatore oppure tramite apposite app di navigazione.

9. Le auto elettriche possono trainare una roulotte?

È difficile che un'auto elettrica riesca a trainare il peso di una roulotte senza che la batteria si scarichi rapidamente. Se desideri andare in vacanza trainando una roulotte con la tua auto elettrica, devi armarti di santa pazienza. Infatti ci vorrà ancora un po' di tempo prima che vengano prodotte in serie roulotte con assi semoventi elettrici. Un esempio è la “e.home Coco”. Questa roulotte dotata di motore prodotta da “Dethleffs” funge anche da accumulatore di energia, ma al momento è ancora nella fase prototipica. La capacità di traino nelle auto elettriche è molto limitata e ci sono al momento poche vetture omologate per poter trainare una roulotte.

1 I valori di consumi ed emissioni indicati sono stati rilevati in conformità con il processo di misurazione prescritto per legge. Dal 1° settembre 2017 alcune vetture nuove sono già state omologate ai sensi del controllo armonizzato a livello mondiale per veicoli adibiti al trasporto di persone e veicoli commerciali leggeri (Worldwide Harmonized Light Vehicles Test Procedure, WLTP), un metodo più realistico per il rilevamento dei consumi e delle emissioni di CO₂. A partire dal 1° settembre 2018 la procedura WLTP sostituirà gradualmente il nuovo ciclo di guida europeo (NEDC). Per via delle condizioni di prova più realistiche, i valori di consumi ed emissioni di CO2 misurati secondo la procedura WLTP risultano in molti casi superiori rispetto alle misurazioni effettuate secondo il ciclo NEDC. Di conseguenza a partire dal 1° settembre 2018 potrebbero essere apportati dei cambiamenti a livello di tassazione dei veicoli. Ulteriori informazioni sulle differenze tra WLTP e NEDC sono disponibili all'indirizzo www.volkswagen.de/wltp.
Attualmente è ancora obbligatorio comunicare i valori NEDC. Per quanto concerne le vetture nuove omologate secondo la procedura WLTP, i valori NEDC vengono derivati dai valori WLTP. È inoltre possibile specificare spontaneamente i valori WLTP finché non subentrerà l'obbligo per legge. Qualora i valori NEDC vengano indicati come intervalli di valori, essi non dovranno essere considerati in riferimento ad un singolo veicolo e non costituiranno parte dell'offerta, infatti servono unicamente per mettere a confronto le diverse tipologie di veicoli. Equipaggiamenti aggiuntivi e accessori (particolari, formato degli pneumatici, ecc.) possono variare i parametri rilevanti di un veicolo, per esempio peso, resistenza al rotolamento e aerodinamica, e influire, insieme a condizioni atmosferiche e del traffico e al comportamento di marcia individuale, su consumi, consumo di corrente elettrica, emissioni di CO2 e valori delle prestazioni di un veicolo.
Per ulteriori informazioni sui consumi ufficiali di carburante e sulle emissioni specifiche di CO2 ufficiali per autovetture nuove si rimanda alle “Linee Guida sui consumi di carburante, sulle emissioni di CO2 e sui consumi di corrente delle vetture nuove”, disponibili gratuitamente presso tutti i punti vendita della Casa e presso il DAT (Deutsche Automobil Treuhand GmbH), Hellmuth-Hirth-Str. 1, 73760 Ostfildern-Scharnhausen (www.dat.de/co2). 
Le vetture e gli allestimenti mostrati in questa illustrazione possono differire nei dettagli dall'attuale programma di fornitura previsto per la Germania. Alcuni degli equipaggiamenti a richiesta illustrati sono fornibili con sovrapprezzo. 
I dati non si riferiscono a una singola vettura e non sono parte integrante dell'offerta, ma consentono di effettuare un confronto tra i differenti modelli.

Cane in un prato con roulotte sullo sfondo
Campeggio idilliaco: in futuro sarà possibile anche trainare la roulotte con l'auto elettrica

10. La velocità influisce sul consumo di energia?

Sì: maggiore è la velocità, più rapidamente si scarica la batteria. La resistenza aerodinamica aumenta esponenzialmente con l'aumentare della velocità. Di conseguenza aumenta il fabbisogno di energia di trazione. Marciando fino a 110 km/h trovi un buon compromesso fra velocità e autonomia. In questo modo ti assicuri una lunga percorrenza in autostrada. In città devi frenare più spesso, per fortuna! Perché il traffico stop-and-go è una manna dal cielo? Perché a ogni frenata viene recuperata energia, che torna direttamente nella batteria (sistema di recupero dell'energia).

Registrati ora e anticipa i tempi.

Ricevi aggiornamenti regolari su ID.3, sulla gamma ID. e sulla mobilità elettrica del futuro.

Disclaimer Volkswagen
Note legali generali sito
Prezzi e specifiche di prodotto. Tutti i prezzi riportati sono in Euro. I prezzi indicati si riferiscono al listino per il mercato italiano e riguardano il veicolo e gli equipaggiamenti opzionali prescelti. I prezzi indicati sono IVA e messa su strada inclusa, I.P.T. (Imposta Provinciale Trascrizione) esclusa. Il prezzo effettivo viene concordato con la Concessionaria. La invitiamo pertanto a consultare la Sua Concessionaria
Volkswagen di riferimento per ulteriori dettagli.

Volkswagen Group Italia dichiara che le informazioni riportate su questo sito sono valide al momento della loro pubblicazione. Le caratteristiche tecniche, gli equipaggiamenti di base, gli optional, i tessuti e i colori sono soggetti a continue variazioni e pertanto potrebbero non essere disponibili al momento della produzione del veicolo. Per tutte le versioni dotate di serie con il Car-Net o We Connect vi invitiamo a consultare la sezione dedicata: https://www.volkswagen.it/it/servizi-connettivita/connettivita/car-net.html

Per maggiori dettagli in merito alle Promozioni offerte da
Volkswagen Italia vi invitiamo a consultare la sezione dedicata: https://progetto.volkswagen.it/app/local/promozioni/

Gli equipaggiamenti e i prezzi di listino delle autovetture
Volkswagen e dei relativi accessori riportati sul sito hanno subito una variazione con effetto dal 04 giugno 2020. Volkswagen Group Italia avverte che, per ragioni tecniche di aggiornamenti del sito, gli equipaggiamenti disponibili e i nuovi prezzi di listino potrebbero non essere tempestivamente pubblicati, ma consultabili nella sezione "Listino" di ogni singolo modello. L’aggiornamento del sito verrà completato entro il 31 luglio 2020. Volkswagen Group Italia declina sin d’ora ogni responsabilità in merito a possibili discordanze, limitatamente al periodo sopra indicato.

Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiorna la versione del tuo browser: qui o qui