Prototipo di E-Taxi
Prototipo di E-Taxi
Prototipo di E-Taxi
Prototipo di E-Taxi
Mobilità elettrica

E-taxi: ecco i concept più sorprendenti

Mobilità elettrica

E-taxi: ecco i concept più sorprendenti

I nuovi concept di mobilità hanno l'obiettivo di rendere più confortevoli gli spostamenti delle persone. A volte gli sviluppi tecnologici rendono la mobilità non solo più confortevole ma anche un po' più folle, almeno così ci appare oggi. Come nel caso di questo taxi elettrico.

Qui puoi scoprire:

  • Come arrivare puntuale al tuo prossimo appuntamento grazie ai droni per il trasporto delle persone “Volocopter” e “Cora”
  • Perché a bordo dei taxi a guida autonoma di “Waymo” è sempre presente accompagnatore
  • Come il classico risciò diventa un pedicab elettrico
  • Perché presto con l'e-bike sharing potrai ritirare la tua bici elettrica condivisa davanti alla porta di casa

“Volocopter”: il taxi aereo a guida autonoma

Sei in ritardo, il tuo volo parte tra due ore e il traffico, tanto per cambiare, è un disastro. Con un taxi classico arriveresti sicuramente troppo tardi. Quindi tiri prendi il tuo smartphone, prenoti un taxi drone tramite app e ti fai venire a prendere sul più vicino grattacielo per essere condotto in volo all'aeroporto. Suona come un'utopia del futuro, vero? Ebbene, l'azienda tedesca “Volocopter” è fermamente convinta che in futuro le cose avverranno così: ci saranno cioè droni senza pilota che trasporteranno i clienti da A a B.

Il drone taxi Volocopter sul tetto di un edificio
Nel lungo periodo, il trasporto in taxi aerei non costerà molto più di una classica corsa in taxi.

In Germania, per accelerare le attività di collaudo dei taxi aerei a guida autonoma, alcuni modelli sperimentali stanno già decollando per i voli di prova nella città di Ingolstadt, in Alta Baviera. Questo concept convince anche politici del calibro di Dorothee Bär, Ministro e Commissaria del Governo Federale per la digitalizzazione: “Nell'era della mobilità urbana collegata in rete, è essenziale che interagiscano in modo ottimale tutti i vettori di trasporto, sulla terraferma, in acqua e in aria. Di conseguenza la mobilità del futuro include ovviamente anche i taxi aerei.”

Insieme, Italdesign, Airbus e Audi compiono un ulteriore passo avanti. Per tutti coloro che, sulla strada che li conduce a destinazione, desiderano evitare non solo gli ingorghi ma anche fastidiosi cambi, le tre società stanno sviluppando congiuntamente il mezzo di trasporto modulare “Pop.Up Next”. Dietro questo nome si cela un sistema con il quale prenderai posto in una capsula di trasporto. A seconda di quale sia di volta in volta la soluzione più veloce rispetto al raggiungimento della tua destinazione, la capsula sarà integrata su un modulo veicolo oppure agganciata a un drone. In tal modo il mezzo di trasporto si trasforma da auto in taxi aereo e, di nuovo, in un'auto, senza che il passeggero debba mai scendere.

Il drone Airbus vola su una città
Non appena il modulo di volo aggancia una capsula di trasporto, si alza in volo. 

Taxi aerei elettrici dall'altra parte del mondo

Questa visione è condivisa anche della compagnia aerea neozelandese “Air New Zealand”, la quale si affida anch'essa ai taxi aerei elettrici. Nel 2018 la società ha firmato un accordo di cooperazione con la start-up “Zephyr Airworks” per far decollare il taxi aereo “Cora”. “Cora” può percorrere massimo 100 chilometri ad una velocità massima di 180 km/h. Il drone decolla e atterra in verticale, come un elicottero, quindi non ha bisogno di una pista di atterraggio, bensì solo di una piccola piattaforma. Il tutto è reso possibile da dodici rotori mobili. In caso di guasto, interviene un paracadute d'emergenza, che fa scivolare dolcemente il taxi a terra. Considerato il livello di maturazione tecnica del concept, questa cabina volante a pilotaggio autonomo ha buone possibilità di diventare il primo taxi aereo pubblico al mondo.

Il taxi aereo “Cora” sull'aerodromo
I dodici rotori mobili consentono a “Cora” di atterrare facilmente ovunque, senza bisogno di una pista di atterraggio.

I robotaxi: a destinazione senza conducente

La fiducia in veicoli stradali e aerei senza pilota deve ancora svilupparsi. Abbandonare completamente l'idea di un controllo umano durante la corsa in taxi potrebbe rendere le persone riluttanti a prenotare un taxi a guida autonoma. Ciò nonostante, “Waymo” ci mostra come potrebbe avvenire: tramite app prenoti un taxi, nel modo consueto, e questo ti raggiungerà al punto di partenza che hai indicato. La differenza? Anziché dire al tassista dove ti deve condurre, l'immissione della destinazione avviene in modo digitale, proprio come il pagamento. Perché a bordo, in realtà, non vi è alcun conducente. Per consentire ai passeggeri di superare più facilmente le riserve mentali quando si tratta di salire per la prima volta su un taxi senza conducente, “Waymo” ha stabilito che, nell'impiego reale, sul sedile del conducente segga un accompagnatore. Questo, tuttavia, non svolge alcun compito di guida. Il suo lavoro consiste in questo: fare in modo che i passeggeri acquisiscano fiducia nella guida autonoma e, allo stesso tempo, intervenire qualora l'auto elettrica non sia in grado di procedere.

Il servizio di trasporto commerciale con auto a guida autonoma è iniziato negli USA alla fine del 2018, in questa prima fase, con beta tester. Al fine di assicurare il massimo livello di sicurezza e comfort per i passeggeri, i veicoli della flotta “Waymo” avevano precedentemente percorso oltre 15 milioni di chilometri in una fase di sperimentazione svoltasi in città degli USA quali San Francisco, Atlanta e Detroit. Non è ancora chiaro quando e dove “Waymo” inizierà a operare ufficialmente.

Pedicab: il bici-taxi elettrico

I pedicab sono già disponibili per i passeggeri

Preferisci affidarti a un conducente in carne ed ossa, ma ciò nonostante desideri lasciarti rapidamente alle spalle gli ingorghi del traffico? Allora potrebbe fare al caso tuo un'altra inconsueta alternativa ai normali taxi: il pedicab. La bici a pedalata assistita si presenta come un'evoluzione del classico risciò. La bicicletta elettrica con sedile posteriore affronta con disinvoltura il denso traffico delle città, soprattutto nei Paesi asiatici. In Germania potrai vedere i pedicab solo di rado, principalmente nei luoghi maggiormente frequentati dai turisti.

Perché il pedicab è poco diffuso in Germania? Un motivo potrebbe essere che i passeggeri non riescono a sentirsi a loro agio, magari godendo di un bel panorama, mentre qualcuno si affatica per loro sui pedali. Si tratta di una situazione alla quale gli scienziati dell'Università di Magdeburg stanno già lavorando per individuare un possibile rimedio. I ricercatori hanno sviluppato una bicicletta elettrica a tre ruote a guida autonoma, che può essere chiamata tramite app. Come nel caso del robotaxi e dei droni per passeggeri, in futuro probabilmente anche sul pedicab potrai sedere da solo e goderti il silenzio grazie alla trazione elettrica delle nuove tipologie di taxi.

Registrati ora e anticipa i tempi.

Ricevi aggiornamenti regolari su ID.3, sulla gamma ID. e sulla mobilità elettrica del futuro.

Disclaimer Volkswagen
Note legali generali sito
Prezzi e specifiche di prodotto. Tutti i prezzi riportati sono in Euro. I prezzi indicati si riferiscono al listino per il mercato italiano e riguardano il veicolo e gli equipaggiamenti opzionali prescelti. I prezzi indicati sono IVA e messa su strada inclusa, I.P.T. (Imposta Provinciale Trascrizione) esclusa. Il prezzo effettivo viene concordato con la Concessionaria. La invitiamo pertanto a consultare la Sua Concessionaria
Volkswagen di riferimento per ulteriori dettagli.

Volkswagen Group Italia dichiara che le informazioni riportate su questo sito sono valide al momento della loro pubblicazione. Le caratteristiche tecniche, gli equipaggiamenti di base, gli optional, i tessuti e i colori sono soggetti a continue variazioni e pertanto potrebbero non essere disponibili al momento della produzione del veicolo. Per tutte le versioni dotate di serie con il Car-Net o We Connect vi invitiamo a consultare la sezione dedicata: https://www.volkswagen.it/it/servizi-connettivita/connettivita/car-net.html

Per maggiori dettagli in merito alle Promozioni offerte da
Volkswagen Italia vi invitiamo a consultare la sezione dedicata: https://progetto.volkswagen.it/app/local/promozioni/

Gli equipaggiamenti e i prezzi di listino delle autovetture
Volkswagen e dei relativi accessori riportati sul sito hanno subito una variazione con effetto dal 04 giugno 2020. Volkswagen Group Italia avverte che, per ragioni tecniche di aggiornamenti del sito, gli equipaggiamenti disponibili e i nuovi prezzi di listino potrebbero non essere tempestivamente pubblicati, ma consultabili nella sezione "Listino" di ogni singolo modello. L’aggiornamento del sito verrà completato entro il 31 luglio 2020. Volkswagen Group Italia declina sin d’ora ogni responsabilità in merito a possibili discordanze, limitatamente al periodo sopra indicato.

Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiorna la versione del tuo browser: qui o qui